I PIATTI IN CERAMICA REALIZZATI DAL LABORATORIO PARAVICINI

2019-04-09T20:01:03+02:00

I PIATTI IN TERRAGLIA BIANCA DI COSTANZA PARAVICINI: TRA POETICA,  DECORAZIONE E FUNZIONALITÀ

Scritto da Sara Bizzocchi e Brenda Vaiani. Servizio fotografico di Brenda Vaiani.

Nel cuore di Milano, tra le vie brulicanti di persone, si trova quiete all’interno della corte di via Nerino 8, dove ha sede l’attività Paravicini, un laboratorio artigiano di servizi per la tavola in ceramica sottile, fondato e diretto da Costanza Paravicini.

Varcata la porta in legno del laboratorio, si viene accolti da piccoli e intimi spazi all’interno dei quali occorre muoversi con grazia per evitare di urtare accidentalmente i pregiati piatti, esposti in un ordine estremamente organizzato su ogni superfice dello spazio.

L’attività di Costanza, riconosciuta a livello internazionale, verte sulla decorazione esclusiva a pennello e a stampa serigrafica. La creazione dei servizi da tavola e l’ideazione dei loro decori rappresentano il risultato di un aperto dialogo tra committenza e Maestro artigiano, il quale oltre a rielaborare i dettagli della richiesta, cerca anche di adattarli alla cifra stilistica del laboratorio.

Pennelli in canna di bambù e pigmenti di colore riempiono il tavolo su cui Costanza Paravicini dà vita ogni giorno – da ben venticinque anni – alle proprie creazioni. La maestria che caratterizza la produzione di Costanza è il frutto di un intenso percorso da autoditatta. Sebbene si sia sempre dedicata all’arte decorativa, è solo a partire dai primi anni novanta che decide di dedicare il suo lavoro all’arte del decoro su terraglia bianca. La scelta della Maestra artigiana di lavorare su questo materiale, verte sulla capacità dell’oggetto in terraglia bianca di trasmettere all’utente una forte carica emozionale. L’emozione trasmessa dall’oggetto finito è probabilmente suscitata da una serie di determinate scelte stilistiche e progettuali, per cui l’utente riconosce in quel determinato oggetto qualcosa che lo rimanda alla memoria di un passato legato alla familiarità e alla quotidianità. Il desiderio più intimo di Costanza Paravicini è, infatti, quello di creare dei piatti capaci di portare nella tavola di tutti i giorni, l’atmosfera e il calore dei ritrovi famigliari.

Negli ultimi anni, all’interno dell’attività sono subentrate anche le figlie, Benedetta e Margherita Medici, le quali hanno permesso un rinnovo della stessa introducendo all’interno del processo di lavorazione tecniche digitali e stampe serigrafiche. Laboratorio Paravicini è pertanto a tutti gli effetti un’azienda a conduzione familiare, la quale si avvale della collaborazione di tre decoratrici e di un ceramista, che nello specifico si occupa della realizzazione e della cottura dei piatti.

Dal 2013, infatti, alla storica produzione a pennello il laboratorio introduce tra le proprie proposte le “Collezioni” e dunque progetti come “Zodiaco”, “Jungle”, “Serpi” e “Circo”. Il principio base su cui si fondano queste serie limitate dai raffinati disegni a stampa serigrafica o digitale é una minuziosa e intelligente rielaborazione di decori pre-esistenti. Nella sopracitata Collezione “Zodiaco”, peraltro presentata al fuori salone di Milano nel 2017, per esempio, il disegno ispiratore appartiene al quadrante principale dell’orologio delle Torri Dei Mori, di Piazza S. Marco a Venezia: proprio in quel punto, il blu del cielo ingloba al suo interno la forma geometrica e spigolosa delle stelle e i corpi dei segni dello zodiaco. In “Mongolfiere” le linee che vanno a dar corpo ai celebri palloni aerostatici richiamano alla memoria le antiche illustrazioni a mano settecentesche, riconducendoci cos immaginariamente allo stupore e alla meraviglia che accompagnavano i viaggi e le scoperte via cielo dei primi intraprendenti pionieri.

La lunga riflessione che Costanza sostiene accompagnare la scelta di dare o non dare vita a determinati soggetti, sembra comportare alla nascita o meno di una vera e propria storia – composta da suoi protagonisti e personaggi secondari – storia che, anzicchè sulle pagine di un libro trova un prezioso ed elegante svolgimento sulla superficie bianca della ceramica. Laboratorio Paravicini, nonostante abbia ben chiaro l’immagine e la cifra stilistica da perseguire é anche in possesso di un grande desiderio di superamento e di rinnovamento.

Sito: Paravicini

This website uses cookies and third party services. Ok
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: